SI DOVREBBERO UTILIZZARE I KETTLEBELL IN CAMPO MEDICO? (CONSIDERAZIONI E DOMANDE PER I MEDICI)

Di Scott Iardella SFG II

Se siete fisioterapisti – o pazienti di un fisioterapista – questa è una lettura assolutamente cruciale. Copre molti argomenti per quanto riguarda la riabilitazione efficace e responsabile dei pazienti utilizzando i principi del kettlebell di StrongFirst, quindi assicuratevi di contrassegnalo per un riferimento futuro.

Kettlebell. Hanno un ruolo in ambito medico? Dovrebbero essere utilizzati nella riabilitazione dei pazienti in un ambulatorio di fisioterapia? Questa è una domanda scottante a cui non è stata data una risposta sufficiente. I kettlebell hanno un ruolo, ma alcune cose devono essere prese in considerazione prima che un medico osi portare i kettlebell in ambulatorio. Di seguito sono riportati i concetti chiave che i medici devono sapere.

IL RETROSCENA

Chuck e io abbiamo seguito il programma di Laurea Magistrale in Fisioterapia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Maryland. Anche allora, entrambi avevamo i nostri background e le nostre passioni uniche per l’allenamento della forza. Da quel momento, ci siamo resi conto, anche, di quanto poco sapessimo realmente sulle applicazioni appropriate di forza e movimento, specialmente per quanto riguarda i pazienti in ambito di fisioterapia ambulatoriale.

Mentre sono un “ex” fisioterapista, attualmente sono uno strength coach e un insegnante del movimento. Ho imparato molto sui principi della forza dai giorni trascorsi in clinica come fisioterapista. La verità è che il mio viaggio è iniziato davvero quando ho scoperto i kettlebell e sono stato introdotto ai metodi e alle tecniche insegnate da Pavel. Anche se non sono più un medico praticante, non c’è dubbio che i kettlebell avrebbero fatto parte del mio approccio clinico se avessi saputo quello che so oggi.

Chuck, d’altra parte, è ancora un fisioterapista praticante che usa attivamente i kettlebell nelle cliniche che sovrintende. Abbiamo avuto molte conversazioni sull’uso dei kettlebell in ambito medico, argomento che è la genesi di questo articolo. Egli usa i kettlebell come componente standard del suo processo di riabilitazione e insegna anche i metodi e le tecniche agli altri medici con cui lavora.

Recentemente abbiamo deciso di fare una conversazione profonda su ruoli e le limiti. Ecco la conversazione tra me e Chuck con diversi argomenti utili da portare a casa e prospettive che possano essere comprese dal medico.

INTRODUZIONE ALLA CONVERSAZIONE “PROFONDA”

Scott: Ho curato molti pazienti di ortopedia durante i miei anni da medico. Anche se oggi non pratico in ambiente clinico, ho pensato molto a come avrei usato i kettlebell nel mio approccio alla riabilitazione.

Ovviamente, questo dipende dal paziente e dalla diagnosi con cui si ha a che fare. Ma se avessi saputo dello straordinario vantaggio dei kettlebell, questo avrebbe potuto essere un creatore di differenze nel mio approccio.

Ad esempio, il get-up (o le componenti del get-up) avrebbe potuto essere ottimo per insegnare schemi di movimento per i pazienti con problematiche a colonna vertebrale e spalla.

Dopo aver appreso uno schema di get-up senza carico, sarebbe possibile introdurre un kettlebell e ciò sarebbe uno strumento appropriato per progredire, in termini di movimento e forza.

Un adeguato hip hinge (movimento incernierato sull’anca – NdT): uno stacco con kettlebell sarebbe stato uno strumento altamente utilizzato per questo schema di movimento.

Sicuramente, vengono subito in mente i carry e diverse varianti come il bottom-up carry. Sappiamo dal lavoro del

Dr. Stuart McGill che la muscolatura del core è altamente attiva con i bottom-up carry con kettlebell. I carry sono esercizi autoregolatori e facili da imparare.

Il kettlebell è anche uno strumento davvero unico per i press. Penso che sia lo strumento migliore per il press ed esistono molte varianti di press, come in half-kneeling e tall-kneeling che sarebbero molto applicabili, pertinenti e utili in ambiente clinico. Questi sono solo alcuni esempi che mi vengono in mente.

Chuck: Essendo da 22 anni un fisioterapista, ho continuamente cercato la risposta alla grande domanda, come fare a rendere le persone più forti?

Quando, più di 12 anni fa, mi sono imbattuto nei kettlebell, questi sono diventati lo strumento perfetto per l’allenamento della forza. Ho lavorato solo in ambito di fisioterapia ambulatoriale, in cui vediamo gente con ogni tipo di problema, da distorsioni della caviglia a pazienti post-chirurgici. La maggior parte dei pazienti che vedo arriva in fisioterapia in ambito ambulatoriale con problematiche meccaniche alla zona cervicale (collo) e alla spina lombare (schiena).

Nel corso del tempo, ho integrato i concetti del kettlebell nella mia pratica. Mi piace mantenere questi concetti semplici per i medici e per i pazienti.

Questi concetti possono essere riassunti con questi 3 punti:

  • Sei in grado di creare tensione?
  • Sei in grado di eseguire un hip hinge?
  • Sei in grado di respirare in modo diaframmatico?

Molti dei nostri pazienti hanno carenze di forza e mobilità. La tensione è qualcosa che può essere vista come una cosa negativa per i pazienti. Quello che voglio dire è che la maggior parte dei nostri pazienti sperimenta una tensione a livello dei trapezi superiori dovuta allo star seduti per 13 ore al giorno e guardando costantemente i propri computer o dispositivi elettronici. Questo crea molti problemi dovuti all’aumento del dolore (collo, spalle e schiena), all’incapacità di alzarsi dal pavimento e persino a problemi ad alzarsi da una sedia.

Possiamo usare questi 3 concetti (tensione, hip hinge e respirazione) e applicarli a un compito semplice come alzarsi dalla sedia.

Insegniamo ai pazienti come eseguire un hip hinge, guidare (radicare) i piedi nel terreno e creare tensione mentre si alzano stringendo i glutei e i pugni. Lo renderò ancora più semplice e lo chiamerò “Grip-Butt-Squeeze”. Lo si esegue con un’inalazione e un’espirazione diaframmatiche mentre il paziente sta in piedi. È davvero così semplice.

Sareste stupiti da quanti pazienti non riescono ad alzarsi da una sedia senza provare dolore al ginocchio o senza il bisogno di assistenza da parte delle braccia. Tuttavia, utilizzando questi 3 concetti semplici e praticando la skill ogni volta che un paziente si alza dalla sedia, il paziente acquisisce forza e sicurezza nelle attività quotidiane.

La maggior parte dei pazienti non sa come eseguire un hip hinge, quindi insegnare a qualcuno come eseguire l’hinge è importante per ridurre la lombalgia e creare modelli di movimento funzionali che si applicano alle loro attività quotidiane.

Un altro concetto importante sarebbe quello di insegnare al paziente come respirare correttamente. Come sapete, tutto inizia con una buona respirazione. Trascorriamo molto tempo in clinica insegnando ai pazienti come eseguire la respirazione diaframmatica. Uno dei miei terapisti chiama la pratica della respirazione il “tempo di pancia” in quanto il paziente assume la posizione prona e si concentra sulla respirazione diaframmatica per 5 minuti.

Questi sono i 3 semplici concetti che insegno ai miei medici e pazienti per migliorare la loro forza.

ORA, LE DOMANDE

Scott: Qual è il fattore più importante per l’utilizzo sicuro dei kettlebell in clinica e per massimizzare la loro efficacia? Soprattutto per il medico che NON ha un background di allenamento della forza – o perfino d’allenamento. (Perché sarebbe molto diverso per quel medico, sei d’accordo?)

Chuck: Assolutamente sì. Molti fisioterapisti non hanno background in strength & conditioning. Per questo motivo, devo stare attento quando insegno i kettlebell ai fisioterapisti.

Non è solo un pezzo di ghisa con una maniglia che gli atleti usano ai CrossFit Games su ESPN. È uno strumento potente ed efficace che può essere utilizzato in clinica per migliorare la forza e la qualità del movimento di un paziente.

Ancora una volta, si torna ai concetti che ho discusso. Quando insegno ai terapisti la semplicità dello strumento e il modo in cui possono usarlo in clinica, cambia tutto. Nella mia regione abbiamo dei kettlebell in molte delle nostre cliniche. Fare soltanto i farmer’s walks da soli è estremamente sicuro da insegnare ai pazienti per qualsiasi fisioterapista.

I miei fisioterapisti in clinica insegnano molti schemi di stacco. Possiamo far riferimento a un paziente che sta raccogliendo un sacco di cibo per cani da 40 libbre, e ora questo può essere realizzato in modo sicuro ed efficiente.

I fisioterapisti nelle mie cliniche cercano tensione, hip hinge e respiro. Il paziente esegue un brace di riflesso? Il paziente ingaggia i dorsali (anti-scrollata) o scrolla le spalle?

Al paziente viene insegnato come sollevare correttamente usando i concetti di movimento di base adoperando il kettlebell per rinforzare i propri schemi di movimento funzionale.

Come terapista più esperto, ho imparato le tecniche di stabilizzazione lombare al San Francisco Spine Center ed è stato un programma meraviglioso. Ma non abbiamo mai aggiunto il carico. Questo é un problema.

Ora prendiamo la stabilizzazione lombare usando i concetti del kettlebell e aggiungeremo carichi utilizzando il kettlebell come strumento preferito. Il punto è che oggi posso insegnare i 3 semplici concetti menzionati prima a qualsiasi fisioterapista senza forza. Possono cavarsela con questo e possono aiutare immediatamente il paziente. Ciò è potente.

Scott: Qual è la cosa più importante che il medico deve imparare prima di incorporare i kettlebell?

Chuck: Penso che debba diventare “clinicamente competente”. Spiegherò cosa intendo.

Se insegnerete gli esercizi con kettlebell in clinica, avrete voi stessi una competenza con il kettlebell? Se non capite veramente l’esercizio da soli, non potete promuoverlo al paziente.

Se un fisioterapista non ha competenze cliniche, deve contattare qualcuno che abbia conoscenza con i kettlebell e assicurarsi di avere competenza per insegnare ai propri pazienti in modo sicuro ed efficace.

Ogni fisioterapista dovrebbe avere conoscenza dei concetti del kettlebell e degli esercizi fondamentali. I vostri pazienti dovrebbero essere in grado di raccogliere in modo sicuro un sacco di cibo per cani da 40 libbre o la loro spesa, perché avete insegnato ai vostri pazienti come eseguire correttamente l’hip hinge, la respirazione e creare tensione.

Stavo insegnando a un nuovo laureato in fisioterapia come eseguire uno stacco con kettlebell e i passaggi del get-up. Allo stesso tempo, stavo anche lavorando con uno studente in fisioterapia che chiedeva “perché dovrei usarlo in clinica?”

Quando la nostra conversazione si è conclusa, lo studente – e il nuovo fisioterapista – hanno compreso l’importanza degli esercizi. Capiscono come questi semplici concetti di cui continuo a parlare (hip hinge, respiro, tensione) potrebbero aiutare un paziente.

La competenza clinica riguarda veramente la comprensione degli schemi di movimento di tutto il corpo con gli strumenti che si stanno insegnando ai propri pazienti. Ciò è importante.

Scott: Per riassumere, quello che stai dicendo è che il medico dovrebbe andare a cercare un istruttore qualificato e certificato. Dovrebbe ottenere una competenza di base da qualcuno che sia abile nellusare lo strumento prima che lo applichi in ambito clinico. È corretto?

Chuck: Esattamente. Ad esempio, è simile a quando hai bisogno di 100 ore di agopuntura continua per diventare clinicamente competente nell’uso di quella specifica modalità in clinica.

I fisioterapisti devono cercare persone che offrono corsi di allenamento per la forza usando kettlebell o altre modalità di forza per assicurarsi che abbiano la competenza clinica per insegnare questi concetti ai loro pazienti. Questo è di fondamentale importanza.

I fisioterapisti sono focalizzati sulla pratica basata sull’evidenza come professione.

Sfortunatamente, le scuole di fisioterapia non stanno facendo abbastanza ricerche sull’allenamento della forza per mostrare il beneficio della forza per i pazienti. Come responsabile regionale per la PIVOT Physical Therapy, tengo colloqui con molti dottori in fisioterapia e, purtroppo, la maggior parte non ha molta conoscenza dei concetti dell’allenamento della forza.

Scott: Ovviamente, StrongFirst offre il one-day Kettlebell Course che insegna agli utenti gli esercizi base col kettlebell e i principi di forza e movimento. Sei d’accordo che ciò sarebbe qualcosa che è appropriato per il medico che vuole portare i kettlebell in clinica?

Chuck: Concordo. Dovrei anche dire che alcuni anni fa ho frequentato un one-day StrongFirst Bodyweight Course. È stato un corso fondamentale sugli esercizi a corpo libero e ho imparato i concetti base della tensione in relazione agli esercizi a corpo libero. Il lunedì, al mio ritorno in clinica, sono stato in grado di applicare questi concetti con i pazienti. Vorrei consigliare a tutti i terapisti di raggiungere e frequentare il one-day StrongFirst Kettlebell Course per acquisire una certa competenza clinica con il kettlebell.

Nella mia carriera di fisioterapista, ho frequentato corsi al di fuori dell’ambito della fisioterapia, che hanno cambiato il modo in cui tratto i pazienti e mi alleno.

Alcuni fisioterapisti nella mia regione hanno abbracciato questo concetto e sono diventati gli “Hybrid PT” (hybrid physical therapist and strength-movement coaches). Sono impegnato al 100% a far muovere i pazienti sempre meglio e più forti e a insegnare a più fisioterapisti a diventare tali “Hybrid PT” per migliorare i risultati a lungo termine dei loro pazienti.

Scott: Parliamo di alcuni esempi di pazienti che non sono in una “fase acuta del dolore” del loro programma. Quali sono alcune diagnosi con le quali hai lavorato e che tipo di pazienti hai visto beneficiare maggiormente dall’uso dei kettlebell?

Chuck: La lombalgia cronica è molto comune nelle cliniche di fisioterapia ambulatoriale.

Come dico ai miei pazienti: “Non sono solo il presidente del club di lombalgia, sono un membro attivo.” Ho una storia di lombalgia dagli anni ‘80, ma usare i kettlebell per rafforzare la mia catena posteriore è stato un punto di svolta nell’affrontare i miei problemi alla schiena.

Utilizzare i concetti (hip hinge, respirazione e tensione) ha significativamente cambiato la mia forza. In particolare, usando gli swing con kettlebell, i carry e il get-up. Condividendoli con i pazienti, ho visto questi acquisire forza e schemi di movimento migliori. Onestamente non credo che in giro ci sia uno strumento di forza migliore, più accessibile di un kettlebell.

Nelle cliniche, useremo il kettlebell per far stabilizzare i pazienti in modo riflessivo. Quindi progrediremo verso i drill in “bottom-up” che hanno aiutato a creare una stabilità riflessiva più naturale senza “sovrallenare” i nostri pazienti.

Il get-up è un altro incredibile esercizio con kettlebell che possiamo usare per migliorare la mobilità, la stabilità e la durabilità dei pazienti. Lo scomponiamo per i pazienti in 7 passaggi mentre progrediamo nel piano di cura.

Molti dei nostri pazienti non hanno mobilità a livello della colonna vertebrale toracica; hanno flessori dell’anca contratti e mancano di attivazione del gluteo. Questi sono problemi comuni. Nel get-up, poniamo l’accento su

high bridge e shoulder packing (ponte alto e connessione della spalla – NdT) con i pazienti per aiutare a correggere questi problemi e altro ancora.

Oggi, non riuscirei a immaginare di vedere un paziente senza in qualche modo implementare variazioni di questi 4 esercizi con kettlebell:

  • Stacchi con Kettlebell
  • Carry con Kettlebell
  • Il Get-Up
  • Overhead Press

Ecco alcune informazioni aggiuntive che voglio condividere.

I personal trainer e gli strength coach dovrebbero capire che quando i fisioterapisti stanno lavorando con un paziente, c’è un campo di pratica e leggi che devono seguire.

I fisioterapisti sono professionisti autorizzati e lavorano con pazienti generalmente a livelli molto bassi di forza e tessuto muscolare (sarcopenia) con problemi medici complessi.

Potremmo vedere i pazienti messi più a dura prova rispetto a forza, mobilità e forma fisica generale. La maggior parte dei pazienti è disinformata, demotivata e sta cercando una soluzione rapida (che significa farmaci). Ma lasciatemi dire che diventare forti è la migliore medicina del mondo.

Noi, in quanto fisioterapisti, dobbiamo essere conformi al regolamento governativo e statale. Quello che voglio dire è che non possiamo implementare esercizi con kettlebell fino a quando non mettiamo sotto controllo dolore e infiammazione. Devo guadagnarmi la fiducia del paziente. Devo fargli passare il dolore prima di usare questi strumenti. Dopo, posso sperare di ottenere risultati incredibili.

Ecco un esempio specifico. Stavo curando un paziente che mi era stato mandato da un medico ortopedico per una tendinite alla spalla. Il paziente era il miglior lanciatore di baseball di 17 anni di una delle scuole superiori locali.

Usando una valutazione della fisioterapia basata sull’ SFMA, la mia valutazione ha rivelato che egli aveva alcuni notevoli problemi di controllo motorio e flessori dell’anca contratti. Non aveva dolore, ma ciò si ripercuoteva sul suo lancio. Aveva un range di movimento completo e i “test speciali” non hanno rivelato risultati positivi. Un componente del mio approccio terapeutico per questo paziente è stato quello di insegnargli come eseguire stacco con kettlebell e get-up per migliorare il controllo motorio e gli schemi di movimento.

Eseguiva gli esercizi con il kettlebell senza alcun dolore. Poi ho ricevuto una telefonata dal medico ortopedico che voleva sapere perché non stavo lavorando sulla sua spalla (perché non stavo facendo un tipico lavoro di rotazione esterna con le Thera-band).

È colpa mia se non ho sufficientemente educato il medico ortopedico, il paziente o i suoi genitori sul mio approccio alla causa sottostante i problemi alla spalla. Ma una volta che ho spiegato i concetti e il mio piano di cura, essi sono stati molto soddisfatti. Ancora più importante, il paziente è migliorato e ha avuto una stagione senior di successo. L’educazione è la chiave, e questo è un esempio perfetto.

Questa è una delle cose più difficili quando si lavora con i pazienti. Ci si deve assicurare di istruire i pazienti – e i medici – su cosa si sta facendo e PERCHÉ. I medici devono confidare nel fatto che si farà la cosa migliore per i loro pazienti in modo sicuro ed efficace.

Come fisioterapisti, dobbiamo attenerci al nostro ambito di pratica e alle leggi. Inoltre, dobbiamo cambiare la percezione dell’allenamento della forza con pazienti non informati e potenzialmente non motivati. Per di più, tenete presente che se avessi avuto qualcuno che faceva esercizi con i kettlebell in clinica e si fosse fatto male, potete scommettere che ci sarebbe stato un esame accurato e una revisione clinica intorno a quel particolare approccio per il paziente.

Dovete stare attenti. Non potete semplicemente diventare “canaglie” con i pazienti di fisioterapia in ambito clinico usando i kettlebell.

Scott: Puoi parlarci di uno specifico protocollo con kettlebell che hai usato?

Chuck: Ho avuto un cinquantaquattrenne con un post intervento alla cuffia dei rotatori della spalla destra e una riparazione chirurgica del labrum. Seguendo il protocollo del medico e i principi fisiologici di guarigione, sono stato in grado di implementare i kettlebell nel suo protocollo di riabilitazione.

Prima di entrare nella fase di allenamento della forza della sua riabilitazione, abbiamo iniziato con alcuni concetti di base che ho già discusso. Abbiamo iniziato con la respirazione per ripristinare la mobilità toracica. Come sapete, molte persone sopra i 35 anni presenteranno una mobilità limitata nelle loro spine toraciche. Abbiamo iniziato lì.

Inoltre, abbiamo utilizzato i principi di Original Strength nel processo di riabilitazione. Il paziente ha iniziato con il rocking in quadrupedia solo col braccio sinistro, gli esercizi di controllo della testa e i roll (senza braccia). Alla fine siamo progrediti al crawling.

Abbiamo anche iniziato a lavorare sul press con kettlebell sul suo lato non danneggiato, due settimane dopo la sua riabilitazione. Perché lo abbiamo fatto?

Perché avremmo ricevuto il transfer della “irradiazione” per quel cliente, che si lega alla creazione della “buona tensione” attraverso il corpo. Ovviamente, non siamo in grado di allenare il lato danneggiato perché lì c’è un processo di guarigione in corso. Ma, andare sull’altro lato e utilizzare il processo di irradiazione è stato grande.

Carry con sovraccarico e stacchi da terra a braccio singolo sono stati aggiunti a sinistra (lato non danneggiato) mentre facevamo progredire il paziente.

Quattro settimane dopo la riabilitazione, abbiamo introdotto il sit-to-stand (box squat) per un isometrico funzionale (il “Grip-Butt-Squeeze”) usando i concetti di tensione, hip hinge e respiro.

A sei settimane, abbiamo iniziato con un press con kettlebell molto leggero, in tall-kneeling, poi abbiamo proceduto fino alla posizione di half-kneeling e infine al press in piedi. L’accento è stato posto su colonna vertebrale alta, presa e connessione della spalla (con un anti-scrollata).

Abbiamo seguito lo stesso approccio con i vari kettlebell carry, get-up, mace-bell e Indian club.

È importante notare che abbiamo anche utilizzato alcune delle altre tecniche e approcci standard di fisioterapia (cioè manuale, range di movimento, agopuntura e altre modalità di fisioterapia).

Invece di usare solo Thera-band come unico strumento per rafforzare le spalle/la cuffia dei rotatori (ne abbiamo fatto un po’), ci siamo concentrati su kettlebell, clubbell, mace-bell e Indian club. Abbiamo avuto risultati enormi. Ancora una volta, abbiamo dovuto seguire il protocollo e non potevamo allontanarci troppo, ma l’utilizzo di concetti sicuri ha davvero aiutato questo cliente.

Questo uomo di 54 anni (che pesa solo 150 libbre – circa 68kg) stava pressando un kettlebell da 32kg 12 mesi dopo un intervento chirurgico importante. È stato abbastanza impressionante.

Scott: Quali sono i tuoi pensieri e le tue esperienze con gli swing? Li usi e sono appropriati nel contesto clinico?

Chuck: Sì, ma solo per il paziente giusto e la diagnosi corretta. In primo luogo, è necessario considerare il loro livello di forma fisica e il background di forza.

Avremo un sacco di gente del CrossFit a cui piace fare gli swing in American style, ma senza la capacità di eseguire correttamente l’hip hinge o il lockout all’apice dello swing. Mostriamo loro come fare uno schema corretto dell’hip hinge e come eseguire il lockout delle anche per un corretto swing hardstyle.

Stiamo osservando questo tipo di pazienti nelle cliniche con l’aumento dei box di CrossFit nella nostra regione. Ci vengono indirizzati per stress alla zona lombare, quindi dobbiamo conoscere una tecnica adeguata di swing con kettlebell per avere credibilità con quel tipo di paziente.

L’approccio sbagliato sarebbe dire che è pericoloso eseguire gli swing con kettlebell e si dovrebbe smettere di andare alla palestra di CrossFit. Questo non risolve il problema.

Vediamo anche atleti e guerrieri del fine settimana che eseguono uno “squat swing” con kettlebell. Sentono parlare dei benefici del kettlebell da un personal trainer in una grande palestra, un amico o un coach sportivo. Ma la maggior parte di loro non è stata adeguatamente allenata e in quel momento si fanno male.

Vediamo persino pazienti che hanno imparato come eseguire lo swing con kettlebell da un DVD di fitness in cui vengono fornite delle scarse istruzioni, il che è infelice. Sono così grati in quanto possiamo mostrare loro come eseguire correttamente lo swing con kettlebell e la loro schiena e le ginocchia non fanno più male. La loro produzione di potenza aumenta ed è un mondo completamente nuovo per loro. È piuttosto sorprendente.

Scott: Quali sono i tuoi pensieri e le tue esperienze con gli swing? Li usi e sono appropriati nel contesto clinico?

Chuck: Sì, ma solo per il paziente giusto e la diagnosi corretta. In primo luogo, è necessario considerare il loro livello di forma fisica e il background di forza.

Avremo un sacco di gente del CrossFit a cui piace fare gli swing in American style, ma senza la capacità di eseguire correttamente l’hip hinge o il lockout all’apice dello swing. Mostriamo loro come fare uno schema corretto dell’hip hinge e come eseguire il lockout delle anche per un corretto swing hardstyle.

Stiamo osservando questo tipo di pazienti nelle cliniche con l’aumento dei box di CrossFit nella nostra regione. Ci vengono indirizzati per stress alla zona lombare, quindi dobbiamo conoscere una tecnica adeguata di swing con kettlebell per avere credibilità con quel tipo di paziente.

L’approccio sbagliato sarebbe dire che è pericoloso eseguire gli swing con kettlebell e si dovrebbe smettere di andare alla palestra di CrossFit. Questo non risolve il problema.

Vediamo anche atleti e guerrieri del fine settimana che eseguono uno “squat swing” con kettlebell. Sentono parlare dei benefici del kettlebell da un personal trainer in una grande palestra, un amico o un coach sportivo. Ma la maggior parte di loro non è stata adeguatamente allenata e in quel momento si fanno male.

Vediamo persino pazienti che hanno imparato come eseguire lo swing con kettlebell da un DVD di fitness in cui vengono fornite delle scarse istruzioni, il che è infelice. Sono così grati in quanto possiamo mostrare loro come eseguire correttamente lo swing con kettlebell e la loro schiena e le ginocchia non fanno più male. La loro produzione di potenza aumenta ed è un mondo completamente nuovo per loro. È piuttosto sorprendente.

Scott: Chiudiamo con i passaggi specifici per il medico che cerca di usare i kettlebell in ambito clinico. Quali sono le cose fondamentali che si devono assolutamente fare o considerare?

Chuck: Trovare un istruttore certificato di kettlebell nella propria zona è un ottimo punto di partenza.

Prendete in considerazione lo StrongFirst Kettlebell Course per essere educati nelle basi e diventare clinicamente competenti.

Andate in giro con persone dalla mentalità simile e iniziate ad allenarvi con un kettlebell nel modo giusto. Per me, se volete essere ottimi medici, dovrete sempre imparare e cercare di diventare più bravi.

Se guardo indietro a quello che ho fatto 22 anni fa come fisioterapista e cosa pensavo di sapere del gioco della forza rispetto a quello che conosco oggi, c’è solo una ragione per cui so molto di più.

È perché non mi sono adagiato e ho accettato lo “status quo”. Ho continuato a mettermi in gioco e imparare. Dovete farlo.

I fisioterapisti adesso sono dottori. Ma, i concetti e la comprensione dell’allenamento della forza, non ci sono ancora.

Come medici, capiamo molto bene la parte scientifica. Ma, come qualsiasi cosa, dovete sperimentare effettivamente cosa si prova a eseguire uno swing con kettlebell o un get-up. Potete semplicemente imparare la teoria, dovete effettivamente far pratica.

Contattate le persone e continuate a fare domande tipo, come facciamo a rendere più forti i pazienti? E capite il perché.

Alla fine della giornata, è per questo che siamo qui. Per far sì che i nostri pazienti si muovano meglio e renderli più forti per ripristinare la funzione e, in primo luogo, prevenire che si verifichino infortuni.

PUNTI DI SINTESI

Se siete medici e state considerando l’utilizzo del kettlebell in ambito clinico, ecco un riassunto conciso per i prossimi passi.

  1. Trovate un istruttore certificato locale da cui imparare. Imparate su kettlebell, movimenti e principi di forza con l’allenamento “dal vivo” per accelerare la vostra comprensione dell’uso e delle applicazioni corrette dei kettlebell.
  2. Considerate di frequentare uno StrongFirst Kettlebell Course. È un giorno di 8 ore di immersione nei concetti e nei principi di base delle applicazioni col kettlebell. Questo è un investimento intelligente per comprendere forza e movimento.
  3. Sebbene non menzionato in questa conversazione, è altamente raccomandato leggere Kettlebell Simple & Sinister di Pavel. Questo libro fornisce le nozioni di base sui fondamentali e sui principi del kettlebell.
  4. Frequentate lo StrongFirst For Clinicians Course. Questo è un nuovo corso specificamente progettato per aiutare i medici a comprendere il potente ruolo della forza nel contesto della riabilitazione. I medici apprenderanno principi specifici e applicazioni fondamentali per l’allenamento con kettlebell e bilanciere per i loro pazienti. Il prossimo corso si terrà dal 4 al 5 Agosto a Denver, in Colorado.

 

Scott Iardella, MPT, CSCS, SFG II, SFL, CISSN, USAW, CACWC: la biografia di Scott è sotto.

Chuck Mutschler, MPT, MS, CSCS, SFMA, FMS, OS Certified Clinician: Chuck è attualmente Regional Manager della Pivot Physical Therapy in Southern Maryland. Ha conseguito la Laurea Specialistica in Fisioterapia presso la University of Maryland School of Medicinee ha continuato a possedere più cliniche di fisioterapia a Anne Arundel e Howard County, nel Maryland. La sua passione per la forza e il condizionamento lo ha portato a certificazioni avanzate come CSCS della National Strength and Conditioning Association, istruttore SFG Level II della StrongFirst School of Strength, OS Certified Clinician di Original Strength Systems, SFMA e FMS di Functional Movement Systems. Chuck è stato docente ospite in tutta la regione dell’Atlantico centrale, discutendo argomenti come fisioterapia ortopedica, allenamento con kettlebell, esercizi correttivi, prevenzione dalle cadute, schemi di movimento primitivo, allenamento della forza circolare e medicina dello sport.

Scott Iardella, MPT, CSCS, SFG II, SFL, CISSN, USAW, CACWC.

Scott è uno strength coach, movement teacher, ed ex fisioterapista che ha conseguito la sua Laurea Specialistica in Fisioterapia presso la University of Maryland School of Medicine. Con oltre trent’anni di esperienze uniche, attualmente allena piccoli gruppi nel Sud della Florida nelle tecniche del kettlebell e del Weightlifting. Egli è un SFG II kettlebell instructor e SFL barbell instructor, tra le altre sue credenziali riguardevoli. È anche il conduttore di The Rdella Training Podcast, un podcast settimanale su fitness e performance su iTunes. Il podcast e il suo altro lavoro possono essere trovati su Rdella Training. In fine, Scott è l’autore del nuovo libro – “The Edge of Strength” – ora disponibile su Amazon.